Tutti in Fiera!

cooreGiallo, Arancione, Blu, Azzurro, Verde, Viola… COLORE! Giovedì 16 ottobre due classi, la 2C e la 2D, accompagnate dagli insegnanti Claudio Cappelletti,Nicola Dell’Aquila, Diego Prot e Sara Spata sono partiti in direzione della Fiera di Milano, per visitare il VISCOM: la mostra per la COMunicazione VISiva. Svolti i soliti noiosi preamboli (biglietti e organizzazione della giornata), siamo entrati e i ragazzi sono stati avvolti da immagini  colorate, stoffe, materiali di ogni genere, luci e altre meraviglie della loro professione . Si! Davvero una fiera piena di colore: blu oltremare, giallo limone, bianco, nero, rosso carminio, verde mare, ocra… Da un punto di vista professionale, si sono potuti ammirare molti macchinari e tecniche che permettono un’espressione comunicativa e progettuale, tale da esaudire le fantasie di designer grafici. Tra gli strumenti più interessanti, senz’altro i plotter d’intaglio. IMG_1163Gli stand fornivano esempi e davano dimostrazione del loro funzionamento. Si potevano realizzare gli oggetti più disparati: da scatole a mobili di cartone, fino a vere e proprie sculture componibili. Pezzi di ondulato dalle forme incomprensibili, che una volta assemblati diventavano alberi, animali o tantissimi oggetti che il grafico ha studiato e disegnato. Un materiale che molte volte nella nostra normale vita quotidiana pieghiamo e buttiamo, ma che altre persone, i designer della comunicazione, utilizzano per creare un mondo di espressione. Anche questo è creatività! Ogni tanto si vedevano “volteggiare”, lungo tutto il padiglione ,alcuni poster coloratissimi. Non si trattava di una magia: era qualche allievo, di cui si intravvedevano solo le gambe,intento a trasportare uno stampato di grandi dimensioni. Che dire di altri ragazzi pieni di borse riempite con qualsiasi tipo di gadget: UNA CUCCAGNA!  Finalmente abbiamo potuto osservare le stampanti 3D e, sotto i nostri occhi, ammirare  oggetti che prima erano nel computer e dopo 15 minuti si concretizzavano in qualcosa che si poteva toccare, che aveva un peso e anche un odore. Mi immagino quante idee siano balenate nella mente di chi li vedeva: “Uhm…potrei  fare un gioco per bambini”…”uhm.. potrei costruire dei gadget per l’azienda di mio padre”…. “potrei rifare quel soprammobile che ho rotto a mia madre ieri”… C’erano anche plotter di tutti i tipi, stampa a sublimazione, stampa su tessuto, su vetro, su metalli...  La qualità molto elevata con una definizione del dettaglio tra le luci e le ombre davvero notevole.I ragazzi sono stati entusiasti della visita, hanno potuto capire come questo mondo è complesso e sfaccettato e, soprattutto, quante possibilità espressive ti mette a disposizione, quale intelligenza e ricerca stanno dietro queste tecnologie. Tutto ciò ha permesso di  comprendere come il campo grafico si stia evolvendo, allo stesso modo di qualsiasi altro campo lavorativo. Esso ha una storia e una tradizione che partono da un passato molto  lontano. La grafica esiste con il primo graffito realizzato dall’uomo primitivo per esprimere un pensiero che si potesse anche vedere. Una delle cose più belle, che annoto nel mio diario, è stata poter vedere dei ragazzi intelligenti, entusiasti e con tanta sana curiosità e voglia di esplorare una terra (quella grafica), con la certezza che un giorno ne faranno parte e saranno dei protagonisti. Credo che una visita come questa abbia messo motivazione e questa motivazione entrerà nelle aule e nei laboratori per dare una spinta a migliorare e superare le difficoltà che si incontrano nello studio. Tutto questo affinché il lavoro un giorno sia un piacere e non un diritto o un dovere. Con noi alla fiera c’erano le Scuole Salesiane di Mestre, Verona, Milano e del Colle don Bosco. Un appuntamento spontaneo e un modo per incontrare i colleghi e i ragazzi delle altre regioni. Arrivato il momento di andare via, qualche ragazzo ha ringraziato noi professori per l’opportunità della visita: davvero molto gratificante per chi dedica tante ore in aula e cerca di dare il meglio per la futura felicità dei suoi allievi. Tutti sul pullman, per imboccare l’autostrada per Torino. Domani alle 8:oo compito di scienze! Claudio Cappelletti
Be Sociable, Share!