Giornate di accoglienza II

Le giornate di accoglienza si fanno tutti gli anni negli stessi posti e con le stesse persone. Dobbiamo proprio farle? che senso hanno?

Domande legittime che meritano una risposta.

Parlando con i ragazzi si scopre che “oggi è strano parlare di Santità; nessuno ti dice niente eppure esiste” . Con questa frase detta così, salendo verso il Colle dopo la visita alla casa di Domenico Savio  ti fa vivere la giornata con una prospettiva diversa. Si scopre la gioia di giocare in un prato allievi e formatori; di scherzare sul pullman tradendo gli smartphone e i social network e sentirsi dire, per una volta; siamo già arrivati?

Allora ecco che le giornate di accoglienza hanno un senso e  non  sono sempre tutte uguali; anzi sono ricche di momenti felici e spensierati  tanto cari a don Bosco.