Il saluto della nostra Comunità in questo periodo di emergenza

Carissime/i ragazze/i e carissimi genitori, vogliamo dirvi innanzitutto che ci mancate. Non siamo abituati a questo silenzio così strano che si respira a Valdocco senza di voi.

Da quando don Bosco ci ha fondati, oltre 160 anni fa, è la prima volta che tra queste mura non riecheggiano le vostre voci e non condividiamo con voi le nostre giornate.

Stiamo certamente vivendo un periodo particolare della storia delle nostre città e del mondo intero. Un periodo segnato a volte dalla paura e dall’impotenza di fronte ad una malattia così improvvisa e nuova che ci trova tutti impreparati. Eppure ci piace pensare che sia anche un tempo pieno di occasioni e di possibilità, perché ogni nuova difficoltà ci spinge più in là e la forza del nostro essere insieme una comunità che si sostiene e che collabora per il bene di ognuno, non viene meno soltanto perché siamo momentaneamente distanti.


Camminando per i cortili e passando davanti a don Bosco, ci è venuto in mente un episodio del passato che forse ci può insegnare ancora qualcosa.

Era il mese di agosto del 1854 e quell’anno a Torino scoppiò una nuova malattia, più contagiosa e pericolosa di quella attuale, anche perché le norme e le risorse sanitarie di allora non erano così sviluppate: era il colera. Nessuna medicina, nessuna cura. Unico rimedio: la quarantena. Questo portava molti ad essere abbandonati anche solo per paura; e a subire gli effetti peggiori di questo erano ovviamente i più poveri.

Don Bosco non si perse d’animo: era un problema nuovo, e doveva essere combattuto; ne andava del futuro della città e dei suoi ragazzi. Sostenuto da mamma Margherita e dai suoi collaboratori, organizzò con i ragazzi dei gruppi di “infermieri” volontari, che andassero a trovare i più bisognosi e a dare una mano, come potevano. Il resto lo fece la preghiera di don Bosco: nessuno dei volontari si ammalò e molti furono curati o almeno soccorsi e accompagnati nella loro malattia.


Oggi non è tempo di organizzare gruppi di volontari; ce ne sono già e soprattutto c’è gente preparata e professionale che si sta dedicando con forza e passione per il bene di molti. E allora cosa fare? Credo che i tre suggerimenti che don Bosco diede allora ai suoi, valgano ancora per oggi:

  1. Non sentitevi soli: Dio è sempre dalla nostra parte. Era la fiducia inflessibile di don Bosco, messa alla prova tante volte. Dio è un buon Padre e per questo è sempre con noi. Dobbiamo ancora di più fidarci di lui, a lui ricorrere. Chi ha provato lo sa per esperienza: con Dio al proprio fianco si può affrontare ogni sofferenza e ogni disagio anche col sorriso perché grande è la nostra forza assieme alla sua.
  2. Non lasciate solo nessuno. In momenti come questi tutto spinge a rinchiudersi su di sé per proteggersi. Non fatelo. Rispettate le norme per il contagio, ma ricordate che una parola buona, un aiuto semplice, un sorriso, una telefonata, un gesto di vicinanza e di affetto possono fare molto, specie con i più deboli, i più soli, i più in difficoltà. Nessuno deve essere lasciato solo. Il nostro amore e la nostra carità devono trovare nuove strade. Siamo una famiglia e vogliamo dimostrarlo anche questa volta.
  3. Non facciamo vincere la paura. Uno dei motti di don Bosco recita: «Coraggio! La speranza ci sostenga, quando la fiducia vorrebbe mancare». Questi giorni sono una occasione di futuro, non un problema di cui avere paura. Molti e seri professionisti stanno lavorando per il nostro bene e la nostra salute. Dal nostro canto, noi ci faremo venire in mente nuovi modi per incontrarci, nuovi modi per insegnare, nuovi modi per fare del bene, nuovi modi per essere anche oggi una casa che accoglie e una comunità che cresce. Guardiamo al futuro come chi vuol essere «felice nel tempo e nell’eternità!» (D. Bosco).

Carissimi, volevamo soltanto salutarvi, risentire anche a distanza la vostra presenza e, contemporaneamente, farci da voi sentire perché, vicini e lontani, Valdocco resta sempre la nostra casa. Aspettiamo con gioia e speranza di poterci riunire qui di persona, e intanto lavoriamo insieme per una società più sana, più bella e più solidale. Grazie a tutti del vostro affetto, vi ricordiamo a don Bosco anche nella preghiera,

la Comunità Educativa di Valdocco

Be Sociable, Share!