Il CFP di Valdocco: un cantiere nel cuore della Salesianità

Lunedì 3 settembre: questa la data per l’inizio del nuovo anno formativo a Valdocco. Una giornata che si apre con l’incontro di tutto il personale presso la casa salesiana di Avigliana, per cominciare col giusto input e lo sguardo a don Bosco. Verranno poi i collegi dei formatori, gli staff di direzione e i vari team di corso per programmare l’attività educativa e formativa. In realtà il Valdocco non si è fermato durante la pausa estiva perché impegnato nel cantiere della nuova cucina: muratori, elettricisti, installatori, idraulici ed imbianchini si sono succeduti durante i mesi di luglio e agosto e in questi giorni stanno ultimando i lavori di ristrutturazione che porteranno il Cfp ad annoverare tra i propri laboratori, a fianco del collaudato locale di panetteria-pasticceria, una rinnovata cucina ed una nuova sala bar. I primi ragazzi si affacceranno a Valdocco la prima settimana di settembre, chi per i recuperi delle unità formative con qualche debito e chi per l’attività di ristorazione legata alla Fiera Nazionale del Peperone a Carmagnola: un impegno che si rinnova per il quarto anno consecutivo e che vede i nostri ragazzi cimentarsi nella preparazione di tre cene.Il 12 settembre si apriranno le porte ai nuovi allievi di prima dei corsi dell’obbligo di istruzione e formazione: 126 nuovi iscritti ai triennali di grafica, elettro, trasformazione agroalimentare e ristorazione. Seguiranno a ruota, tra il 13 e il 14 settembre, i ragazzi più “anziani” delle seconde classi dei triennali e degli ultimi anni dei percorsi di qualifica. Ultimi a partire, ad inizio ottobre, i ragazzi del quarto anno duale del “Tecnico grafico”, i giovani del percorso biennale del Prelavorativo e i ragazzi del percorso ITS post diploma “Tecnico Superiore della valorizzazione delle produzioni agroalimentari – Gastronomo”. Un totale di circa 340 allievi – tanto per iniziare – in attesa degli esiti del Bando "Mercato del Lavoro", per il quale ci siamo proposti con diversi percorsi su tutte le categorie di utenza, dai disoccupati con licenza media inferiore ai diplomati, dai giovani a rischio agli immigrati. Completa l’attività del Valdocco l'organico dello sportello dei Servizi al lavoro e alle Imprese; il lavoro relativo ai corsi per gli apprendisti e l’erogazione dei corsi di formazione continua individuale per gli occupati che sono pubblicati su http://torino.cnosfap.net/valdocco. In definitiva anche quest’anno mancheranno occasioni per annoiarci. Il mio personale augurio di buon anno formativo ai ragazzi, ai loro genitori ed educatori, ai formatori ed al personale amministrativo.
Marco Gallo Direttore Cnos-Fap Torino Valdocco
 

A lezione con Teo Musso Baladin

Teo Musso al CFP di Valdocco!
Gli Allievi del corso ITS AGROALIMENTARE di tecnico superiore della valorizzazione delle produzioni agroalimentari "GASTRONOMO"
incontrano Teo Musso, che nella nuova aula magna del CFP di Valdocco, racconta la sua esperienza nel mondo della produzione della birra.
Uomo dalla personalità poliedrica, come recita il sito http://www.baladin.it/it/chi-siamo/teo_musso e dalle grandi doti comunicative, è considerato uno dei rappresentanti più significativi di un nuovo modo di intendere la birra, rigorosamente artigianale e preferibilmente da abbinare il cibo.
Durante l'incontro con la platea di oltre 30 persone principalmente formata dai ragazzi del CORSO ITS dice:"Raccontare il cibo è una bellissima esperienza ma sicuramente complessa sopratutto in Italia. Proporlo invece presenta delle difficoltà più in provincia che nei luoghi come Roma o Milano. E poi gli Italiani pensano di saper tutto sull'agroalimentare ed invece non è così! Divisi come siamo dalle dispute di campanile non ci riconosciamo sotto un'unica bandiera ed il nostro spirito nazionalistico fatica ad imporsi anche in un ambito in cui siamo sicuramente all'avanguardia nel mondo.
Ad esempio saper comunicare è importante: F.I.CO non è un centro commerciale... "
Nell'onda lunga del boom della ristorazione e dell'enogastronomia occorre conoscere in maniera approfondita il mondo del cibo perché si corre il rischio, come capita per molti pseudo blogger del settore, di raccontare per sentito dire e non per il proprio vissuto."
Tutto questo perchè il lavoro che vorremmo fare fosse accompagnato da passione.
Passione che deve essere sostenuta da conoscenza.
Conoscenza che sviluppa competenza.
E all'ITS Agroalimentare per il Piemonte si può con il corso di "GASTRONOMO".
Marco Gallo